dot
dot



Parco Geominerario della Sardegna

Parchi Marini

Tour Archeologici

Trekking

Escursioni giornaliere

Trenino Verde


Escursionismo Base

Escursionismo Avanzato
Torrentismo

Archeologia della Sardegna

Archeologia industriale

Archeologia Mineraria

Guida alla Flora spontanea della Sardegna

Tradizioni popolari

Micologia
 


Escursioni fuori Calendario
 

Sabato Culturali
 

NEWS NEWS  NEWS

INFO CONTATTI

Chi siamo

Dove siamo

METEO
FOTO
FORUM
SITE MAP

 

IL TRENINO VERDE

 

 


CHE COS'E' 
BETILLI 1 .jpg (80417 byte)

Il trenino verde della Sardegna è un iniziativa turistica delle ferrovie della Sardegna che mira a far conoscere attraverso i vecchi tracciati delle ferrovie a scartamento ridotto, luoghi altrimenti non visitabili con in più la suggestione del viaggio in treno sia con le normali locomotori diesel sia con i bellissimi treni d’epoca a vapore.

LE LINEE TURISTICHE

Da Cagliari: 
Mandas - Arbatax  |   Isili - Sorgono  |

Da Macomer:
Macomer - Bosa Marina

Da Sassari:
Nulvi - Palau Marina

Sistemazione:  
INTERNO TRENO 2.jpg (58421 byte) PRANZO 2.jpg (72078 byte)

Cenni Storici:  
1885
(22/03) è approvata la Legge n° 3011 "che dà facoltà al Governo di far concessioni di strade ferrate secondarie nell’isola di Sardegna".

1886 (01/08) è approvato il Regio Decreto n° 4041 "per la concessione della costruzione e dell'esercizio delle strade ferrate secondarie nell’isola di Sardegna". I lavori vengono affidati alla ‘Società italiana per le strade ferrate secondarie della Sardegna’, sotto la direzione degli ingegneri Cottrau e Marsaglia.

1888 (15/02) sono inaugurate le prime linee: Cagliari-Isili e Monti-Tempio; (26 dicembre) Bosa-Macomer-Tirso.

1889 (06/02) la ferrovia giunge a Nuoro. (01/04) è inaugurata la linea Sassari-Alghero; lo stesso giorno, la ferrovia proseguendo da Isili raggiunge Meana Sardo, per giungere finalmente al capolinea Sorgono (03/12)

1893 (01/04) è inaugurata la linea Ozieri-Tirso; lo stesso giorno s’inaugura la tratta Mandas-Nurri e Gairo-Arbatax; (16/11) la ferrovia si spinge fino a Villanovatulo da un lato e fino a Ussassai dall’altro; contemporaneamente s’inaugura la diramazione da Gairo fino a Jerzu.

1894 (20/04) s’inaugura l’intero tratto da Mandas ad Arbatax di 159 chilometri.

1912 (21/03) è approvato il Decreto Reale n° 684 con il quale viene affidata la concessione per la costruzione e l’esercizio della ferrovia Isili-Villacidro, con la diramazione Ales-Villamar, alla ‘Società Ferrovie Complementari della Sardegna’.

1915 (21/06) s’inaugura la linea Isili-Villacidro, con la diramazione 
Ales-Villamar.

1921 (01/01) la ‘Società per le Ferrovie Complementari della Sardegna’ assorbe le ’Secondarie’.

1927 (27/03) è approvato il Decreto Reale n° 656 con il quale viene affidata la concessione per la costruzione e l’esercizio dei tronchi Sorso-Sassari-Tempio e Luras-Palau alla ‘Società Anonima Ferrovie Settentrionali Sarde’.

1930 (12/05) s’inaugura la linea Sassari-Sorso.

1931 (16/11) s’inaugura la linea Sassari-Tempio.

1932 (18 gennaio) s’inaugura la linea Luras-Palau. In totale l'estensione delle ferrovie secondarie - considerando anche la "Società Ferrovie Meridionali Sarde"- raggiungeva quasi 1.000 chilometri.

1933 La ‘Società Anonima Ferrovie Settentrionali Sarde’ viene ceduta alla ‘Strade Ferrate Pugliesi - Società Anonima’ con sede a Genova, la quale, lo stesso anno, muta la propria ragione sociale in ‘Strade Ferrate Sarde - Società Anonima’ (S.F.S.).

Inizia il processo di sostituzione 
dell’esercizio ferroviario con autocorse  sulle seguenti linee:

1956 (01/07) Isili-Villacidro e Villamar-Ales; (14/09) Gairo-Jerzu.

1958 (21/07) Luras-Monti.

1969 (31/12) Chilivani-Ozieri-Tirso.

1971 La Società non è più privata e si trasforma in Gestione Governativa retta da un Commissario.

1981 (15/06) viene sostituito con autocorse l’esercizio ferroviario sulla linea Tresnuraghes-Bosa.

1995 (10/05) riapre all’esercizio ferroviario turistico la tratta Tresnuraghes-Bosa Marina, recuperata con finanziamenti U.E. e Regione Sardegna, per il tramite dell’Esit.

1996 (12/12) s’inaugura il ‘Museo delle Ferrovie’, presso gli impianti di Monserrato.

1997 (gennaio) Le Ferrovie della Sardegna vengono affidate alle Ferrovie dello Stato. (16/06) Le linee ferroviarie Mandas-Arbatax (km 159), 
Isili-Sorgono (km 83), Macomer-Bosa Marina (km 46) e Nulvi-Palau (km 116) vengono destinate al servizio turistico.

2002 (01 gennaio) le Ferrovie della Sardegna sono nuovamente rette da un Commissario Governativo nominato dal Ministero dei Trasporti.

TORNA INDIETRO ALL'HOME PAGE

BETILLI_2_.jpg (71518 byte)
SARDturis.gif (15424 byte) 
dot
cartina2.gif (59254 byte)

Mandas - Arbatax

dot

cartina.gif (36034 byte)

Isili - Sorgono
dot
CARTINA3.gif (27492 byte)
Macomer - Bosa M.
dot
sssito.gif (62987 byte)
Sassari - Nulvi - Palau 
 
inaugurazione_ade1.jpg (40465 byte)
| News | Le nostre offerte | I nostri corsi | Speciali | Vetrina | Meteo | Foto | Trekking | Forum |INFO| Site map |
| English version |Deutch version |French version | Sito ottimizzato 800x600 | Best vision 800x600
| Webmaster Mediatrix Copyright© 2002 Cagliari  |  posta al webmaster  |